2018 © L'île

 

La visione che guida il progetto Craftory è quella di creare prodotti di design affiancando gli artigiani alla componente critica e progettuale del design, ristabilendo così un contatto con il meglio della tradizione artigianale, spesso perduta nel processo di globalizzazione economica e culturale.

Il progetto, attraverso una selezione critico-storica, intende far emergere quei prodotti nei quali la forma determina la loro qualità intrinseca, improntando la qualità della realizzazione e il valore artistico dei prodotti artigianali al raggiungimento di una qualità più elevata rispetto a prodotti di piccola e media impresa.

Il progetto Craftory promuove quindi l’artigianato di ricerca, quello che sperimenta sui materiali e conserva l’impronta dell’uomo che infonde nei suoi manufatti il proprio ambito culturale.

Con la realizzazioni di pezzi unici o piccole serie afferenti complementi d’arredo e mobili di servizio, Craftory si caratterizza come una piattaforma non solo progettuale ma anche e soprattutto di intelligenza produttiva raccontata attraverso lo sviluppo di un percorso, progettuale e produttivo che, partendo da un territorio unico, la Basilicata, guarda all’abitare attraverso una nuova serie di prodotti che hanno come protagonisti materiali eccellenti per pregio e unicità.

E in questa realtà di oggetti pensati per essere pezzi unici o realizzazioni in edizioni limitate con forte significato culturale, il progetto Craftory si appoggia alla sapienza manuale degli artigiani lucani.


Craftory è:

Angela Ippolito, Lucia Grieco


Supporto:

Jeremy Ruiz, Angelo Bianco, Roberto Martino

Fotografia:

Tiziano Mainieri


Partner:

Fondazione SoutHeritage per l’arte contemporanea / Matera

Centro per la Creatività “Cecilia” / Tito-Potenza